la redazione

La Svolta è un quotidiano che racconta i grandi cambiamenti in corso, prestando particolare attenzione all’Ambiente, ai Diritti, all’Innovazione sociale, culturale e tecnologica. Dando voce soprattutto ai giovani e alle donne, nelle cui mani è riposto il futuro, a partire dalla transizione ecologica.

La Svolta invita lettori e lettrici, organizzazioni, enti, imprese a partecipare in modo attivo alla realizzazione del giornale, suggerendo temi da approfondire. Pubblica articoli utili alle persone, che riguardano la vita quotidiana di tutte e di tutti. Racconta il mondo anche con leggerezza e ironia, smontando i luoghi comuni e le ottusità di chi non riesce a capire il presente.

La Svolta è un quotidiano ideato, fondato e diretto da Cristina Sivieri Tagliabue.

Per inviare comunicati e contattare la redazione: redazione@lasvolta.it.

Giornalista con indole da startupper, ha contribuito a dar vita ad associazioni e imprese ispirate al tema della parità di genere e della cittadinanza attiva. 

Nei suoi libri e documentari d'inchiesta ha esplorato le tensioni generazionali e le frontiere delle professionalità culturali. Da quando ha un bimbo ha iniziato ad esplorare la letteratura infantile, con Missione Democrazia

Nostalgico dello stile e della musica Hip Pop anni 90, nonostante sia nato nel 2001. Studia ingegneria gestionale al Politecnico di Milano, è appassionato di moda e soprattutto di basket; per questo ama le sfide ed è incapace di stare fermo. Decide così di mettersi in gioco ed entrare nel mondo del lavoro, e dopo una breve avventura in stage per affinare la professione approda a La Svolta per ricoprire il ruolo di graphic designer, accettando così l’ennesima sfida. 

Nasce a Napoli, cresce a Roma e corre a Milano. La sua creatività l’ha portata ad esprimersi in vari modi: tramite il confezionamento di abiti, lavorando come speaker per una webradio, e ovviamente disegnando fin da piccola. Approdata al Politecnico di Milano si laurea in Design degli interni dove scopre la sua passione per la grafica e intraprende la sua missione per la ricerca della bellezza: è convinta che soddisfare l’occhio sia il primo passo verso il benessere dell’anima. Dedita al lavoro ma soprattutto appassionata, nel tempo libero la troverete a fare le stesse cose che fa in ufficio: con una matita in mano a sperimentare qualche nuova idea.

Classe ‘93, giornalista romana (e romanista). Ha studiato e lavorato come freelance in Russia, Stati Uniti, Germania, Finlandia. Ha collaborato con The Moscow TimesAl JazeeraEuronewsThe Globe PostIl Caffè SettimanaleIl Fatto Quotidiano. Nel trasferimento da Mosca a Washington DC, passando per Berlino e San Pietroburgo, ha capito che l’eterna rivalità tra USA e Unione Sovietica l’avrebbe catturata per sempre. Parla inglese e russo, e studia arabo. Suona la batteria, ama lo sport e cerca di stare più tempo possibile a contatto con la natura. Percorrendo il cammino di Santiago, da sola, ha capito che le idee migliori vengono camminando. Arriva al desk de La Svolta per mettere alla prova la sua indole di giornalista viaggiatrice.

Nonostante l’accento romano, nasce a Lussemburgo e si trasferisce a 18 anni a Milano, che diventa da subito la sua seconda casa. Per oltre 5 anni ha contribuito a raccontare l’attualità per Sky TG24, cercando di rendere chiari anche i temi più complessi. Nei fine settimana ogni tanto sparisce ma non c’è da preoccuparsi: appena può scappa in montagna per scalare e scoprire nuove cime.

Una delle rare 100% milanesi rimaste in circolazione. Amante del mondo della comunicazione e degli eventi, ha organizzato un po’ di tutto: dai festival di cinema e sport agli eventi istituzionali. Organizzatrice per vocazione, l’importante per lei è avere sempre qualcosa da fare e da vera milanese qualcuno da ‘’beccare’’. Le persone dicono di lei che con il suo senso dell’umorismo riesce a sdrammatizzare ogni cosa.

Ines è una graphic designer. Ha fondato Babai nel 2009, uno studio di branding e comunicazione visiva dove il design applicato è stato, e continua ad essere, al centro della sua ricerca creativa. Crede che nessun dettaglio sia troppo piccolo e che l’esplorazione di nuovi materiali, applicazioni e tecniche sia una vocazione connaturale al suo modo di essere. Il suo interesse è focalizzato sui processi creativi che indaga, nel ruolo di editrice, tra le pagine di Design Tales, rivista dedicata al mondo del design. Ines è l'art director de la Svolta.

È nata nel ‘94 a Torino. Il giornalismo è un sogno che coltiva fin da piccola, quando scriveva temi chilometrici in terza elementare. Impara il mestiere al Master in giornalismo di Torino. Lavora a Radio Uno insieme alle voci che ascoltava nelle cuffie in metro. Poi scrive inchieste per L’Espresso e racconta le notizie del giorno agli ascoltatori della notte di Radio Popolare. È volontaria di TEDxTorino. Ama comprare libri con la copertina rovinata  e scattare con la sua Leica. La ipnotizzano le storie di crimini. Cercava un progetto che raccontasse un futuro all’insegna della sostenibilità e della parità di genere. Ha trovato La Svolta.

Palermitana con il mare nel sangue. Dopo la laurea triennale è emigrata nella Capitale per frequentare l’Università La Sapienza. Qui si è innamorata della radio e del Colosseo. Nel 2017 ha trovato nella città di Milano la sua nuova casa. Social media manager e organizzatrice di eventi, il suo obiettivo? Raccontare e spiegare la complessità del mondo in modo semplice e originale.

Felix Petruška disegna, illustra e anima da una ventina d’anni e qualcosa di più. È passato sulle pagine di Diario, Wired Italia e USA, Corriere della Sera, Domani, Iperborea, Isbn Edizioni, Il Saggiatore, Salani e Blackie Books. Ha disegnato cartoni animati per Wired Italia, Ferragamo, Moncler, Fornasetti, Prada, COOP, Il Foglio e Diario.

Sin da piccola nutre una certa passione per la scrittura, disegna cartine geografiche di mondi immaginari e racconta storie ai poveri parenti indifesi. È una consumatrice seriale di fantasy e fantascienza, declinati in tutte le salse, dalle saghe letterarie alle trasposizioni sul grande e piccolo schermo. Partecipa per diversi anni ad alcuni progetti teatrali, tra cui due laboratori con i detenuti della Casa Circondariale e della Terza Casa di Rebibbia. Dopo la laurea in Giurisprudenza nel pieno della pandemia e il master in Giornalismo Politico-Economico presso la 24ore Business School, si trasferisce a Milano e si lancia, un po' allo sbaraglio, in una nuova avventura, sperando ne La Svolta.