Ambiente

Il climate change è (anche) una questione di salute

Secondo l’Oms, il global warming è la più grande minaccia sanitaria per l’umanità. Oggi il 24% delle morti nel mondo è legato proprio a fattori ambientali
Credit: Josh Hild/pexe
Tempo di lettura 4 min lettura
5 agosto 2022 Aggiornato alle 13:00

Quando parliamo della minaccia rappresentata dal cambiamento climatico pensiamo, prevedibilmente, agli effetti devastanti sull’ambiente, che modificheranno drammaticamente e irreversibilmente l’aspetto del Pianeta. Quello a cui pensiamo meno, è l’impatto di queste trasformazioni non solo sul tessuto sociale ed economico globale, ma anche sulla salute pubblica. E sbagliamo.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, il global warming rappresenta la più grande minaccia sanitaria per l’umanità. I cambiamenti climatici influiscono sui fattori sociali e ambientali determinanti per la salute: aria pulita, acqua potabile e sicura, cibo a sufficienza e possibilità di trovare un riparo sicuro.

Non solo la disintegrazione degli ecosistemi causata dalla combinazione letale di deforestazione, urbanizzazione, inquinamento e cambiamento climatico ha portato a una sempre maggiore frequenza di epidemie legate a zoonosi (di cui la pandemia di Covid-19 è solo una manifestazione), ma la qualità dell’aria è drasticamente compromessa in molte regioni del Pianeta e l’aumento delle temperature ha effetti devastanti non solo sui territori ma anche sulle persone che li abitano. Già oggi, il 24% di tutti i decessi globali è legato a fattori ambientali e si prevede che la malnutrizione, la malaria, la diarrea e lo stress da caldo legati ai cambiamenti climatici provocheranno 250.000 morti in più ogni anno tra il 2030 e il 2050.

Un costo enorme, non solo in termini di vite umane, ma anche a livello economico: i costi dei danni diretti per la salute, infatti, sono stimati tra i 2 e i 4 miliardi di dollari all’anno entro il 2030.

A pagare il conto saranno i Paesi che hanno contribuito meno alle cause del riscaldamento globale, in particolare i Paesi in via di sviluppo con infrastrutture sanitarie deboli, che sono quelli meno attrezzati per proteggere le loro popolazioni e, quindi, saranno i più colpiti.

Allo stesso tempo, a essere esposti ai rischi maggiori saranno i più vulnerabili e svantaggiati, comprese le donne, i bambini, le minoranze etniche, le comunità povere, i migranti o gli sfollati, le popolazioni più anziane e quelle con condizioni di salute di base. Il cambiamento climatico, infatti, sta già incidendo sulla salute minando molti degli elementi fondamentali per una buona salute, come i mezzi di sussistenza, l’uguaglianza e l’accesso all’assistenza sanitaria e alle strutture di supporto sociale.

Stimare con precisione la portata e l’impatto dei cambiamenti climatici sulla salute umana è una sfida, ma non ci sono dubbi: la correlazione è inequivocabile.

A rischio ci sono gli ultimi cinquant’anni di progressi in materia di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà: se non interrompiamo immediatamente questa tendenza, le disuguaglianze sanitarie esistenti tra e all’interno delle popolazioni peggioreranno.

Questo significa, spiega il WHO, che non solo la realizzazione della copertura sanitaria universale (UHC) è a repentaglio, ma che ad aggravarsi potrebbe essere anche l’attuale carico di malattie e che le barriere esistenti all’accesso ai servizi sanitari potrebbero aumentare, spesso nei momenti in cui questi servizi sono più necessari.

Oltre 930 milioni di persone - circa il 12% della popolazione mondiale - spendono già almeno il 10% del budget familiare per pagare l’assistenza sanitaria, mentre 100 milioni di persone ogni anno scendono sotto la soglia della povertà a causa delle spese sanitarie. Una tendenza che il cambiamento climatico può solo peggiorare.

Il WHO ha avvertito: se nel medio termine gli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute saranno determinati principalmente «dalla vulnerabilità delle popolazioni, dalla loro resilienza all’attuale tasso di cambiamento climatico e dalla portata e dal ritmo dell’adattamento», a lungo termine, gli effetti dipenderanno dalle misure che verranno intraprese per contrastarli.

Per evitare impatti catastrofici sulla salute e prevenire milioni di decessi legati ai cambiamenti climatici, il mondo deve limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C, ha spiegato l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC). Ogni decimo di grado aggiuntivo avrà un grave impatto sulla vita e sulla salute delle persone.

Leggi anche
Il 30 giugno 2022 ambientalisti di tutte le età si sono riuniti per protestare contro la decisione della Corte Suprema di limitare le capacità dell’Epa di regolare le emissioni per le centrali elettriche operative
Inquinamento
di Fabrizio Papitto 3 min lettura