Futuro

Arrivano i droni che intercettano i piromani

L’automazione diventa una delle soluzioni per combattere le azioni illecite che hanno scatenato diversi incendi nella Penisola. E in Portogallo sono state avviate le prime sperimentazioni per i droni “pompieri”
Credit: William Daigneault
Tempo di lettura 4 min lettura
17 agosto 2023 Aggiornato alle 14:00

Numerosi incendi hanno funestato i territori del Sud Italia nei mesi estivi, con oltre 50.000 ettari andati in fiamme nelle regioni Sicilia, Calabria, Puglia e Abruzzo.

Il peggioramento delle condizioni climatiche espone i territori a maggiori temperature e fenomeni siccitosi, che alimentano il rischio di focolai: «In Italia l’emergenza incendi, aggravata dalla crisi climatica in corso, è ormai cronica come dimostrano le immagini apocalittiche che in questi giorni stanno arrivando dalla Sicilia, da Palermo a Catania, e da altre regioni della Penisola. Puntualmente ogni estate e nello stesso periodo nel nostro Paese scoppiano roghi, il più delle volte di origine dolosa», ha dichiarato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente.

Ad alimentare i fenomeni in corso contribuiscono le azioni criminali dei piromani, che da decenni appiccano numerosi incendi per sfruttare successivamente le emergenze a favore di organizzazioni mafiose e gruppi malavitosi interessati alle zone colpite.

Negli ultimi anni per contrastare questi atteggiamenti criminosi le autorità hanno fatto ricorso a nuovi mezzi, fra cui principalmente i droni, per monitorare le aree a rischio. Mezzi che hanno permesso di individuare decine di piromani che agivano in maniera indisturbata: «In Calabria con i nostri droni abbiamo beccato 32 piromani in 2 settimane. Li abbiamo segnalati ai carabinieri. Vi faccio vedere due immagini che mi hanno colpito: un bambino di 10 anni che va a incendiare in un bosco come se fosse un professionista, incendia più fuochi a distanza e si mette a camminare. a un certo punto si rende conto del drone e corre andando dal nonno sul trattore. Il nonno si mette a imprecare contro il drone e poi insieme vanno a spegnere il fuoco che il nonno aveva chiesto al bambino di appiccare. Poi ci sono dei criminali che hanno scaricato dei rifiuti incendiandoli vicino a un fiume. Questo è l’esempio della Calabria peggiore. Combattiamo l’inciviltà dei criminali, io non mi arrendo. Beccheremo altri piromani, la maggior parte dei calabresi ha rispetto e amore per l’ambiente quanto ne ho io», ha dichiarato il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto.

L’utilizzo dei droni deriva da una strategia che è stata adottata solo negli ultimi anni da parte delle varie autorità italiane, grazie al miglioramento delle componenti tecnologiche e all’evoluzione di un settore industriale-commerciale che sta conoscendo una crescita notevole a livello globale.

Una delle prime azioni anti-piromani, con l’impiego dei velivoli autonomi, era stata impostata nel 2017 da parte della Regione Lazio. Il prefetto Emiliza Zarrilli, dovendo fronteggiare «un’emergenza totale» nel Sud della Ciociaria, con circa 90 incendi al giorno nell’intero territorio regionale, aveva avviato una sperimentazione intensiva con l’utilizzo dei droni dell’esercito, gli elicotteri dei vigili del fuoco e dell’aeronautica militare nel Nord.

Negli anni successivi altre regioni e città hanno utilizzato le potenzialità dei droni, per esempio per le operazioni di monitoraggio delle campagne pugliesi, le azioni nel territorio della città di Salerno e del comune di Roma, dove il Campidoglio ha sottolineato che l’obiettivo era «avere una fotografia accurata della situazione e, nel contempo, punire duramente chi pensa di poter distruggere impunemente il patrimonio boschivo cittadino o di poter smaltire illecitamente rifiuti con il fuoco».

I droni sono uno strumento versatile, a basso costo e dotati di ampia autonomia, che possono monitorare in maniera efficace i territori rurali grazie alle speciali termocamere in dotazione. Questa tecnologia è in grado di individuare precocemente dall’alto i focolai in modo da allertare tempestivamente le squadre anti incendio e permette di cogliere sul fatto i piromani, fermando sul nascere roghi potenzialmente disastrosi.

In futuro i droni potrebbero evolversi da semplici elementi di sorveglianza, a strumenti atti a estinguere direttamente gli incendi sganciando sabbia o acqua sulle fiamme proprio come fanno i canadair e gli elicotteri. In Portogallo sono state avviate le prime sperimentazioni per avere i “droni pompieri”.

Leggi anche
Tecnologia
di Fabrizio Papitto 4 min lettura
tecnologia
di Caterina Tarquini 3 min lettura