Diritti

My voice, my choice: l’iniziativa europea per l’aborto sicuro e legale

La campagna invita i cittadini a firmare una petizione per chiedere alla Commissione Ue di offrire “sostegno finanziario agli Stati membri” in grado di garantire l’interruzione di gravidanza a “chiunque non abbia ancora accesso” all’Ivg
Credit: Nwci.ie  
Costanza Giannelli
Costanza Giannelli giornalista
Tempo di lettura 4 min lettura
30 aprile 2024 Aggiornato alle 16:00

“La mancanza di accesso all’aborto in molte parti d’Europa non solo mette le donne a rischio di danni fisici, ma pone anche un eccessivo stress economico e mentale sulle donne e sulle famiglie, spesso ai margini della società che meno se lo possono permettere”.

Poche righe per spiegare qual è l’urgenza, sempre più impellente, che anima la nuova campagna My voice, my Choice: For Safe And Accessible Abortion, che fa appello ai cittadini europei per “rendere la vita delle donne più libera, più sicura e migliore; ovunque vivano nella nostra Unione, qualunque siano le condizioni in cui si possono trovare”. Come? Partecipando a una “Iniziativa dei Cittadini Europei (Ice)”, ovvero una petizione ufficiale indirizzata alla Commissione Europea, sottoscrivendola e invitando più persone possibili a firmare.

L’obiettivo: un milione di firme per chiedere all’Ue di offrire “sostegno finanziario agli Stati membri che sarebbero in grado di effettuare l’interruzione sicura della gravidanza, in conformità con la loro legislazione nazionale, per chiunque in Europa non abbia ancora accesso all’aborto sicuro e legale”.

Questa soluzione, spiega la pagina dedicata all’iniziativa sul registro della Commissione europea, potrebbe assumere la forma di un meccanismo di partecipazione aperto agli Stati membri su base volontaria. Coloro che aderiranno riceveranno quindi un sostegno finanziario dall’Ue per compensare il peso di questo sforzo di solidarietà. L’iniziativa, chiariscono i promotori, “non mira ad armonizzare né interferire con le leggi e i regolamenti degli Stati membri, ma rientra piuttosto nella competenza di sostegno dell’Ue, in conformità con le regole stabilite dai trattati europei”.

L’iniziativa fa eco all’appello già rivolto alla Commissione dal Parlamento europeo, che nella Delibera 2022/2665 ha chiesto “di sfruttare appieno la sua competenza in materia di politica sanitaria e fornire sostegno agli Stati membri nella garanzia universale di accesso alla SRHR nel quadro del programma EU4Health per il periodo 2021-2027; nel promuovere l’informazione e l’educazione sanitaria; nel rafforzamento dei sistemi sanitari nazionali e nella convergenza verso l’alto delle norme sanitarie al fine di ridurre le disuguaglianze sanitarie all’interno e tra gli Stati membri”.

Appoggiandosi a trattati fondativi, direttive e regolamenti Ue, i promotori mostrano le fondamenta legali dell’iniziativa per spiegare come prevenire l’aborto non sicuro sia una questione di salute pubblica in cui non solo l’Ue può, ma deve intervenire per sostenere i propri valori e obiettivi. Le donne che non hanno accesso ad aborti sicuri e legali, infatti, “sono private di molti dei loro diritti fondamentali e quindi ridotte a cittadine di seconda classe”. Una situazione che non possiamo più accettare.

“Noi, cittadini dell’Ue, vogliamo migliorare sostanzialmente e materialmente la vita delle donne ovunque vivano nella nostra Unione, qualunque siano le condizioni in cui si trovano”, continuano i promotori, aggiungendo che “Il presidente della Commissione europea ha affermato che il loro compito è ‘fornire pieno sostegno agli sforzi degli Stati membri nell’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite relativi alla salute delle donne, all’accesso universale alle cure sessuali e riproduttive, alla pianificazione familiare e all’istruzione’. […] La nostra iniziativa mira a trasformare queste promesse in realtà e a creare un’Europa più sicura e più giusta che funzioni per tuttǝ”.

Il supporto alla campagna unisce movimenti provenienti da tutta Europa, compresa l’Italia. Nel nostro Paese a sostenere l’iniziativa ci sono realtà come il movimento contro la violenza ostetrica e ginecologica #ANCHEAME, l’Associazione Luca Coscioni, BeFree Cooperativa Sociale, Casa Internazionale delle Donne, Eumans, IVG ho abortito e sto benissimo, Laiga (Libera Associazione Italiana Ginecologi per l’Applicazione della 194), Pro-choice rete italiana contraccezione e aborto, Unione Femminile Nazionale.

La petizione può essere firmata direttamente sul sito fino al 24 aprile 2025. Per farlo è necessario utilizzare il proprio Spid o fornire i dati di un documento di identità (carta di identità o passaporto), perché una volta terminata la raccolta la dichiarazione di sostegno sarà verificata dalle autorità competenti.

Leggi anche
Scatto da presidio di Non Una di Meno al Senato per protestare contro la presenza delle associazioni pro life nei consultori
Gravidanza
di Francesca Polizzi 6 min lettura
Aborto
di Federica Pennelli 6 min lettura