Futuro

Galles: la luce ultravioletta mostra la fluorescenza di flora e fauna

Munito di torce UV, la guida naturalistica David Atthowe esplora di notte le foreste del Paese per immortalare la biodiversità che “spigiona” i suoi colori vivaci, invisibili durante il giorno all’occhio umano
Credit: David Atthowe 
Tempo di lettura 4 min lettura
13 maggio 2024 Aggiornato alle 12:00

“Bosco magico con la luce ultravioletta”: potremmo intitolare così le bellissime immagini catturate dal naturalista inglese David Atthowe. Un bosco che, una volta scese le tenebre, si trasforma in un luogo magico, suggestivo, capace di mostrare “l’altro” suo volto, quello notturno, ma colorato e vibrante, diverso dalla natura che possiamo ammirare durante il giorno quando siamo baciati dai raggi solari.

David Atthowe è una guida naturalista che si dedica all’esplorazione notturna delle foreste con lampade UV per catturare la fluorescenza della flora e della fauna. Atthowe è stato invitato a “illuminare” alcuni dei migliori siti naturali nelle contee del Galles, del Pembrokeshire e del Monmouthshire.

E così, torce a luce ultravioletta alla mano, il naturalista ha realizzato una serie di escursioni notturne in questi territori. Qui ha potuto osservare e immortalare nelle sue fotografie la foresta pluviale che, sotto i raggi UV, ha svelato forme, strutture e colori vivaci, vibranti, tanto da richiamare le sfumature delle barriere coralline degli oceani. «Queste meraviglie rimangono nascoste ai semplici sensi umani, in attesa di essere scoperte», ha affermato Atthowe.

In generale, le escursioni del naturalista inglese hanno come obiettivo illuminare con la luce ultravioletta ciò che lui definisce «un mondo magico dove piante e animali emettono fluorescenza per comunicare». Una bellezza non è accessibile all’occhio umano in condizioni “normali”. Atthowe ha spiegato che il territorio del Galles è particolarmente indicato per le sue escursioni notturne, perché è ricco di rocce e foresta umida, elementi che sprigionano il massimo della fluorescenza: secondo la guida, i posti più “ricchi” sono le foreste della Wye Valley e del Pembrokeshire Coast National Park.

Le foreste secolari sono piene di muschi, licheni e di un’infinità di piccole creature che svolgono quotidianamente le loro funzioni, di giorno come di notte, ma solo illuminandole con i raggi UV questo spettacolo è accessibile anche ai nostri occhi. In particolare, Atthowe è rimasto sorpreso dalla varietà di specie trovate nella riserva naturale di Ty Canol Wood: con oltre 400 specie di licheni (riconosciute fino a oggi), l’ha definita «uno dei boschi più magici e speciali del Regno Unito».

Per quanto riguarda la fauna, Atthowe ha avuto modo di constatare che i granchi regalano delle sfaccettature particolarmente interessanti sotto i raggi UV. Ma la vera sorpresa per il naturalista è stato osservare la lumaca leopardo: il suo muco difensivo sotto i raggi ultravioletti si trasforma in una colata color oro; nel giro di pochi secondi, però, cambia colore che diventa un blu brillante. Un’altra grande magia che i nostri occhi non potrebbero vedere altrimenti.

A febbraio la guida ha portato con sé nelle sue escursioni un gruppo di persone in occasione della Dark Skies Week in Galles. Lo scopo di questa manifestazione era far scattare un campanello d’allarme, per sensibilizzare le persone sull’impatto che l‘inquinamento luminoso ha sulla biodiversità, come a esempio i pipistrelli e i pesci migratori che si trovano disorientati dalle luci artificiali che si trovano lungo la riva di un fiume.

Leggi anche
Biodiversità
di Luca De Biase 2 min lettura
Cambiamento climatico
di Valeria Barbi 3 min lettura