Storie

20 marzo 2024. Monaco, Lansing, Londra

Le scenografiche esibizioni di Alan Roche. Un team di ricercatori ha scoperto la “proteina dell’inverno”. Gli attivisti climatici processati non potranno usare le loro convinzioni per difendersi
Monaco di Baviera (Germania). L'artista Alain Roche suona il pianoforte appeso a una gru durante un concerto. 
Monaco di Baviera (Germania). L'artista Alain Roche suona il pianoforte appeso a una gru durante un concerto.  Credit: © EPA/ANNA SZILAGYI 
Tempo di lettura 2 min lettura
20 marzo 2024 Aggiornato alle 07:30

Lansing (Michigan, Usa). È stata scoperta la “proteina dell’inverno”, responsabile della sensazione del freddo in tutti i mammiferi, compreso l’essere umano. Il risultato è stato pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience da un gruppo di ricercatori guidato dall’Università americana del Michigan. La scoperta permetterà anche di capire perché alcuni pazienti, a esempio quelli sottoposti a chemioterapia, avvertono il freddo in maniera diversa.
Lansing (Michigan, Usa). È stata scoperta la “proteina dell’inverno”, responsabile della sensazione del freddo in tutti i mammiferi, compreso l’essere umano. Il risultato è stato pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience da un gruppo di ricercatori guidato dall’Università americana del Michigan. La scoperta permetterà anche di capire perché alcuni pazienti, a esempio quelli sottoposti a chemioterapia, avvertono il freddo in maniera diversa. Credit: © Aaron Huber 
Londra (Regno Unito). In Inghilterra, le prove sulle opinioni di un imputato sul cambiamento climatico saranno considerate inammissibili durante i processi contro gli attivisti ambientali. Lo ha stabilito una corte di appello, chiamata a pronunciarsi sulla questione, affermando che “le convinzioni e le motivazioni” non costituiscono una scusa legale per causare danni a una proprietà.
Londra (Regno Unito). In Inghilterra, le prove sulle opinioni di un imputato sul cambiamento climatico saranno considerate inammissibili durante i processi contro gli attivisti ambientali. Lo ha stabilito una corte di appello, chiamata a pronunciarsi sulla questione, affermando che “le convinzioni e le motivazioni” non costituiscono una scusa legale per causare danni a una proprietà. Credit: © Vuk Valcic/SOPA Images via ZUMA Wire 
Berlino (Germania). Un attivista scala un albero durante una protesta contro i piani di abbattimento della foresta per ampliare la Gigafactory di Tesla, a Gruenheide.
Berlino (Germania). Un attivista scala un albero durante una protesta contro i piani di abbattimento della foresta per ampliare la Gigafactory di Tesla, a Gruenheide. Credit: © EPA/FILIP SINGER 
Toribio (Colombia). Alcuni indigeni accendono candele durante la veglia funebre di Carmelina Yule Pavi. La leader della comunità è stata brutalmente uccisa in un attacco dei dissidenti delle Farc il 16 marzo.
Toribio (Colombia). Alcuni indigeni accendono candele durante la veglia funebre di Carmelina Yule Pavi. La leader della comunità è stata brutalmente uccisa in un attacco dei dissidenti delle Farc il 16 marzo. Credit: © EPA/Ernesto Guzman
Kedonganan (Bali). Un cittadino trasporta secchi lungo una spiaggia disseminata di detriti e rifiuti di plastica. La maggior parte della spazzatura finisce in mare ogni stagione delle piogge per l’assenza di un sistema centralizzato di gestione dei rifiuti sull’isola.
Kedonganan (Bali). Un cittadino trasporta secchi lungo una spiaggia disseminata di detriti e rifiuti di plastica. La maggior parte della spazzatura finisce in mare ogni stagione delle piogge per l’assenza di un sistema centralizzato di gestione dei rifiuti sull’isola. Credit:  © EPA/MADE NAGI
Leggi anche
Londra (Regno Unito). Un murale è apparso domenica in Hornsey Road, nel quartiere di Finsbury Park. La vernice verde sulla parete bianca dietro all'albero spoglio sembra il suo fogliame, e lo stencil di una persona che tiene un tubo a pressione sotto il dipinto sembra qualcuno che l’ha spruzzata. L'opera è stata pubblicata dallo street artist Banksy sul suo profilo Instagram. 
Buongiorno in 6 scatti
di Redazione 1 min lettura
Australia. I ricercatori della James Cook University hanno scoperto un sbiancamento dei coralli intorno a 6 isole nell’estremo nord della Grande Barriera Corallina, trovando solo poche aree relativamente sane, per lo più in acque più profonde. La Great Barrier Reef ha subito 5 eventi di sbiancamento di massa in 8 anni: gli esperti li hanno collegati ai cambiamenti climatici. 
Buongiorno in 6 scatti
di Redazione 1 min lettura